Il Lago di Braies: Meraviglia Naturale ai piedi della “Croda del Becco”

“Vanilla

Il lago di Braies (Pragser Wildsee in tedesco) è uno specchio d’acqua che si trova nell’omonima valle della provincia autonoma di Bolzano. Il lago da nome anche al comune di Braies, e si trova a 1496 metri sul livello del mare, ad una distanza di 97 chilometri dal capoluogo Bolzano. Il lago si estende per 1,2 chilometri in lunghezza e circa 400 di larghezza, ed ha una profondità massima di 36 metri, con una media di 17, che lo rendono uno degli specchi d’acqua più profondi di tutta la provincia di Bolzano.

La Leggenda della creazione del Lago

Una leggenda locale vuole che la vallata di Braies fosse popolata da persone (dall’aspetto orrendo) che custodivano il tesoro dorato delle montagne limitrofe. Il metallo era assai prezioso ma li trasformava in esseri freddi e duri, assai più di quanto sarebbero stati naturalmente. Un giorno si presentarono alcuni allevatori di bestiame provenienti da sud. Gli abitanti del posto si dimostrarono generosi e comprensivi, regalando agli allevatori oggetti in oro massiccio. I nuovi abitanti della valle, rimanendo impressionati dall’abbondanza di ricchezza degli indigeni, tentarono di impadronirsi dell’oro della montagna, rubandolo agli abitanti. Questi ultimi adottarono uno stratagemma per impedire agli allevatori di raggiungere le montagne: aprirono la via ad alcune sorgenti d’acqua, in modo da creare il lago di Braies ed impedire agli usurpatori di rubare altro oro. In questo modo si creò uno specchio d’acqua insormontabile.

Sotto, l’Albergo omonimo limitrofo al lago (sito web)

La Chiesetta Marienkapelle vicino al lago

Il lago ghiacciato

Il lago con la “Croda del Becco” sullo sfondo

Il lago con neve e ghiaccio in inverno

Il lago da Nord

Fonte delle informazioni e delle immagini Wikipedia

Condividi
Matteo Rubboli
Attratto dalle nuove tecnologie, studi sociali, attualità e politica, con passione descrivo il mondo che mi circonda. Con professionalità parlo di Social Media e Wordpress, con ironia mi piace descrivere il turbinio della vita.